Home

Galleria Grecale

Indice

Gallerie

 

Leonardo da Vinci - Trattato della Pittura - Precetti del pittore
"De' semplici colori il primo è il bianco, benché i filosofi non accettano né il bianco né il nero nel numero de' colori, perché l'uno è causa de' colori, l'altro è privatione. Ma perché il pittore non può far senza questi, noi li metteremo nel numero degli altri, e diremo il bianco in questo ordine essere il primo nei semplici, il giallo il secondo, il verde il terzo, l'azzurro il quarto, il rosso il quinto, il nero il sesto: ed il bianco metteremo per la luce senza la quale nissun colore veder si può, ed il giallo per la terra, il verde per l'acqua, l'azzurro per l'aria, ed il rosso per il fuoco, ed il nero per le tenebre che stan sopra l'elemento del fuoco, perché non v'è materia o grossezza doue i raggi del sole habiano à penetrare e percuotere, e per conseguenza alluminare."

 

Da Conflitto 31

da conflitto 31_2

da conflitto_31_3

da conflitto 31_4

da conflitto 31_5

da conflitto 31_6

da conflitto 31_7

da conflitto 31_8

Da_Conflitto_32-01

Da_Conflitto_32-02

Da_Conflitto_32-03

Da_Conflitto_32-04

Da_Conflitto_32-05

Da_Conflitto_32-06

Da_Conflitto_32-07

Da_Conflitto_32-08

 Da_Conflitto_32-09

Da Conflitto_33 _ 1

Da Conflitto 33 _ 2

Da Conflitto 33 _ 3

DA_CONFLITTO_34_1_MINI

DA_CONFLITTO_34_2_MINI

DA_CONFLITTO_34_3_MINI

DA_CONFLITTO_34_4_MINI

Da Conflitto 35_1

Da Conflitto 35_2

Da Conflitto 35_3

Da Conflitto 35_4

Da Conflitto 36 - 1

Da Conflitto 36 - 2

Da Conflitto 36 - 3

Da Conflitto 36 - 4

Da Conflitto 37 - Prima elaborazione

Da Conflitto 37 - Seconda elaborazione

Da Conflitto 37 - Terza elaborazione

Da Conflitto 37 - Quarta elaborazione

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 38

ELABORAZIONE SECONDA DA CONFLITTO 38

ELABORAZIONE TERZA DA CONFLITTO 38

ELABORAZIONE QUARTA DA CONFLITTO 38

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 39

ELABORAZIONE seconda DA CONFLITTO 39

ELABORAZIONE terza DA CONFLITTO 39

ELABORAZIONE quarta DA CONFLITTO 39

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 40

ELABORAZIONE SECONDA DA CONFLITTO 40

ELABORAZIONE TERZA DA CONFLITTO 40

ELABORAZIONE QUARTA DA CONFLITTO 40

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 41

ELABORAZIONE SECONDA DA CONFLITTO 41

ELABORAZIONE TERZA DA CONFLITTO 41

ELABORAZIONE QUARTA DA CONFLITTO 41

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 42

ELABORAZIONE SECONDA DA CONFLITTO 42

ELABORAZIONE TERZA DA CONFLITTO 42

ELABORAZIONE QUARTA DA CONFLITTO 42

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 43

ELABORAZIONE SECONDA DA CONFLITTO 43

ELABORAZIONE TERZA DA CONFLITTO 43

ELABORAZIONE QUARTA DA CONFLITTO 43

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 44

ELABORAZIONE SECONDA DA CONFLITTO 44

ELABORAZIONE TERZA DA CONFLITTO 44

ELABORAZIONE QUARTA DA CONFLITTO 44

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 45

ELABORAZIONE SECONDA DA CONFLITTO 45

ELABORAZIONE TERZA DA CONFLITTO 45

ELABORAZIONE QUARTA DA CONFLITTO 45

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 46

ELABORAZIONE SECONDA DA CONFLITTO 46

ELABORAZIONE TERZA DA CONFLITTO 46

ELABORAZIONE QUARTA DA CONFLITTO 46

ELABORAZIONE PRIMA DA CONFLITTO 47

ELABORAZIONE SECONDA DA CONFLITTO 47

ELABORAZIONE TERZA DA CONFLITTO 47

ELABORAZIONE QUARTA DA CONFLITTO 47

da conflitto 24

da conflitto 23

da conflitto 4

da conflitto 27

 

 

Charles Baudelaire - FIORI DEL MALE

Inno alla bellezza

Vieni dal ciel profondo o l’abisso t’esprime,
Bellezza? Dal tuo sguardo infernale e divino
piovono senza scelta il beneficio e il crimine,
e in questo ti si può apparentare al vino.

Hai dentro gli occhi l’alba e l’occaso, ed esali
profumi come a sera un nembo repentino;
sono un filtro i tuoi baci, e la tua bocca è un calice
che disanima il prode e rincuora il bambino.

Sorgi dal nero baratro o discendi dagli astri?
Segue il Destino, docile come un cane, i tuoi panni;
tu semini a casaccio le fortune e i disastri;
e governi su tutto, e di nulla t’affanni.

Bellezza, tu cammini sui morti che deridi;
leggiadro fra i tuoi vezzi spicca l’Orrore, mentre,
pendulo fra i più cari ciondoli, l’Omicidio
ti ballonzola allegro sull’orgoglioso ventre.

Torcia, vola al tuo lume la falena accecata,
crepita, arde e loda il fuoco onde soccombe!
Quando si china e spasima l’amante sull’amata,
pare un morente che carezzi la sua tomba.

Venga tu dall’inferno o dal cielo, che importa,
Bellezza, mostro immane, mostro candido e fosco,
se il tuo piede, il tuo sguardo, il tuo riso la porta
m’aprono a un Infinito che amo e non conosco?

Arcangelo o Sirena, da Satana o da Dio,
che importa, se tu, o fata dagli occhi di velluto,
luce, profumo, musica, unico bene mio,
rendi più dolce il mondo, meno triste il minuto?

 

 

Ultimo aggiornamento:  14-10-18