Gely Korzhev

 

Gely Korzhev , autoritrattoGely Korzhev nasce a Mosca il 7 luglio 1925. Il padre, così come il nonno, era un architetto, mentre la madre era un’insegnante di lingua e letteratura russa. In famiglia l’attività grafica era concepita come un impiego serio e non ludico, e anche in forza di questo Gely impara a disegnare presto e molto bene.

Nel 1933 inizia le scuole elementari, dove disegna, studia letteratura classica e modellazione dell’argilla. Le sue doti artistiche vengono subito incoraggiate dalla famiglia. Nel 1939 viene ammesso alla Scuola superiore d’arte di Mosca, ma con lo scoppio della guerra, su consiglio dei suoi insegnanti, lascia la città con alcuni suoi compagni di corso e si rifugia nella campagna russa sino al 1943, quando torna nella capitale.

Nel 1944 Korzhev si diploma ed entra all’Istituto d’arte di Mosca al reparto di pittura, dove tra i suoi insegnanti conosce Gerasimov. Nel 1951 lavora al pannello decorativo di Pavel Sokolov-Skalia per il Padiglione n.26 alla mostra di tutte le Unioni dell’Agricoltura. Nello stesso anno Gerasimov gli offre una cattedra alla Scuola d’arte industriale di Mosca, l’attuale Accademia Stroganov. E due anni dopo vi diventa docente.

Nel 1954 entrò nell’Unione degli artisti dell’URSS di Mosca. Grazie al suo talento diviene in poco tempo uno dei maggiori artisti del regime; questo gli permise di viaggiare molto, prima in Europa e poi in America. In questi anni partecipa a numerose esposizioni dell’Unione degli Artisti e nel 1957 partecipa alla mostra di tutte le Unioni artistiche per l’anniversario dei 40 anni della Rivoluzione d’ottobre. Nel 1961 vince la medaglia d’oro dall’Accademia delle Arti dell’URSS per il trittico Comunisti e partecipa con Alexander Bubnov a una mostra a Cracovia e Varsavia. Nel 1962 egli partecipa alla prima mostra fuori dal blocco del Patto di Varsavia esponendo alla 31esima Biennale di Venezia. Viene poi eletto membro della commissione della Federazione russa per i premi di letteratura e arte e, nel 1970, dell’Accademia d’arte russa.

Negli anni successivi Korzhev partecipa alla mostra “5 artisti sovietici” in Bulgaria, Cecoslovacchia e nella Repubblica Democratica Tedesca. Negli anni ’80 l’artista entra in crisi e, deluso dalla situazione politica, decide di ritirarsi a vita privata circondato dalla famiglia e da pochi amici intimi.

Nel 2003 riceve il premio Sholokhov per il suo «significativo contributo alla cultura e al mondo russo» e nel 2007 il Museo di arte russa di Minneapolis presenta una sua personale: “Sollevando la bandiera. L’arte di Gely Korzhev”.

Gely Korzhev muore a Mosca il 27 agosto 2012 e l’anno successivo l’Istituto d’arte russa di Mosca gli dedica una mostra retrospettiva.



Gely Korzhev, dipinto

 

http://korzhev.com/hudozhnik/biografiya/

 

 

Ultimo aggiornamento:  06-04-19