CAOS E CLASSICISMO

 

Mostra delle opere di maestri dell'arte Moderna italiana, francese e tedesca dal 1918 al 1936 al Guggenheim Museum di New York fino all'11 gennaio 2011 e poi dal 21 febbraio al 15 Maggio 2011 al Museo Guggenheim di Bilbao, in Spagna.

 

Decisamente non sta piacendo. La mostra "Chaos and Classicism" è stata duramente criticata dai maggiori giornali americani. che , beninteso, non hanno messo in dubbio il valore delle opere esposte ma "l'acriticità" dell'approccio, sicuramente.
"Una sala che gronda sangue", ha sintetizzato il New York Times aggiungendo che, la mostra, tenta di falsificare la Storia.
Certo non hanno tutti i torti, gli americani, a considerarla uno shock: se per noi europei i conti con quel nefasto periodo sono stati già fatti e chiusi,loro, per la prima volta si trovano ad affrontare un racconto ad immagini della trasformazione culturale dell'Europa fra le due guerre. E se vogliamo, a giusta ragione, se pensiamo al ralismo di Hopper che al superuomo contrappose l'uomo della strada....approcci contrapposti che nonostante i decenni fanno ancora discutere.

opera di giorgio de chiricoOpere di importanti maestri dell'arte moderna italiana, come Massimo Campigli, Carlo Carra', Felice Casorati, Giorgio de Chirico, Achille Funi, Giorgio Morandi, Ubaldo Oppi, Gio' Ponti, Giuseppe Terragni, sono in mostra lungo la spirale del Guggenheim Museum di New York fino all'11 gennaio 2011 nell'ambito dell'allestimento "Chaos and Classicism", una rassegna che ripercorre il cammino dell'arte in Italia, Francia e Germania dal 1918 al 1936, curata da Kenneth E. Silver (l'unico studioso americano ad aver affrontato quell'epoca controversa).

Un'epoca in cui, quasi ritraendosi dalle rovine e dall'orrore della prima guerra mondiale, l'arte e la cultura europea sembrano auspicare un ritorno al passato, al classicismo, alla ricerca di valori duraturi, allontanandosi dagli sperimentalismi anteguerra. E' la lettura artistica che il curatore della mostra fa di quel periodo storico, di cui il titolo "Caos e Classicismo" è chiara testimonianza. La prima mostra negli Stati Uniti sull'evoluzione della cultura europea tra le due guerre mondiali.

Con circa 180 opere di oltre 80 artisti, di pittura, scultura, fotografia, architettura, cinema, moda e arti decorative, la mostra è stata organizzata in sezioni tematiche: il sogno poetico di antichità nell'avantgarde parigina, il rilancio politicizzato dell'Impero Romano di Benito Mussolini, l'utopia dell'architettura funzionalista International Style che ha avuto origine con la Bauhaus, e, in ultima analisi, l'estetica agghiacciante della nascente società nazista.

La mostra presenta opere di maestri del periodo, tra cui Georges Braque, Carlo Carrà, Giorgio de Chirico, Otto Dix, Fernand Le'ger, Aristide Maillol, Henri Matisse, Ludwig Mies van der Rohe, Pablo Picasso, Gio Ponti, Emile- Jacques Ruhlmann, e August Sander, nonché opere di artisti meno conosciuti al di fuori dei loro paesi d'origine, come Julius Bissier, Felice Casorati, Achille Funi, Marcel Gromaire, Auguste Herbin, Anton Hiller, Heinrich Hoerle, Ubaldo Oppi, e Milly Steger. Molte di queste opere non sono mai state mostrate negli Stati Uniti.

Caos e Classicismo è organizzato dalla New York University Professor of Modern Art di Kenneth E. Silver, un'autorità per l'arte europea tra le due guerre, assistito da Helen Hsu, Curatorial Assistant dekl Solomon R. Guggenheim Museum, con Vivien Greene, curatore della 19 ° e di early-20th-Century Art, Solomon R. Guggenheim Museum, come consulente curatoriale.

Il percorso parte dagli anni dopo la prima guerra mondiale caratterizzati da un'apertura modernista dell'estetica tradizionale: con un retour à l'ordre in Francia, un ritorno al Mestiere in Italia, e la Neue Sachlichkeit (Nuova Oggettività) in Germania. Picasso era un leader di questo nuovo storicismo ed ha dimostrato di essere particolarmente influente nel promulgare un'estetica classica. Caos e Classicismo presenta alcune delle sue opere, così come altri esempi di questo stile: le tele di Léger di figure meccanizzate e sulla commedia dell'arte, quadri di Derain Andrè e dell'italiano Gino Severini. L'idea di una civiltà latina viene in primo piano con l'influenza di Jean Cocteau, e la mostra presenta alcuni estratti dai suoi 1.930 film.
opera di carràIn Italia, i dipinti di de Chirico, insieme a quelli di Carrà, rappresentano un ponte nel passaggio alla nuova sobrietà dell'arte italiana subito dopo la guerra. Il saggio di De Chirico "Il ritorno al mestiere", pubblicato nel 1919 dall'autorevole rivista Valori Plastici, è stato particolarmente importante per questo momento classicheggiante come per il rinnovato interesse per il Rinascimento italiano dei pittori Beato Angelico e Piero della Francesca.

Caos e Classicismo comprende anche dipinti di artisti come Massimo Campigli e Giorgio Morandi. modelli architettonici e oggetti di design, tra cui una versione di Giuseppe Terragni della Casa del Fascio a Como, in Italia, e le porcellane di Ponti, che dimostrano la potenza del paradigma neoclassico per i modernisti del dopoguerra italiano. Ma vi è anche la scultura, il mezzo classico per eccellenza, particolarmente presente in Italia tra le due guerre, di cui vi è testimonianza in tutto il percorso della mostra.

 

opera di legerIn Germania, la sintesi di Mies van der Rohe della forma classica e della moderna tecnologia, centrale per l'ethos che ha sfidato l'espressionismo tra le due guerre in Germania. Per la Bauhaus sono presenti i dipinti figurativi del modernista Oskar Schlemmer, che testimoniano la traduzione tedesca della rinascita italiana (Schlemmer è stata profondamente influenzata dall'arte di Piero della Francesca). Inoltre, dopo gli eccessi percezione dell'arte espressionista, il movimento Neue Sachlichkeit, rappresentato dalla ricerca estetica Klarheit ("chiarezza") nella Germania di Weimar. Opere di Dix, Georg Scholz, Georg Schrimpf, e Wilhelm Schnarrenberger svelano questo approccio razionalista insieme a ritratti del fotografo August Sander. Tuttavia, la moderna estetica tedesco porta anche gli spettatori verso la conclusione drammatica della mostra. Poiché la Repubblica di Weimar è crollata e Adolf Hitler salì al potere nel 1933, i nuovi miti del classicismo-parigino, del ruolo italiano nell'arte, e della ricerca tedesco per l'obiettività, si era mostruosamente trasformato in una dottrina quasi scientifica della perfezione umana sotto il nazismo.

La mostra è organizzata in otto sezioni che illuminano le preoccupazioni dominanti e le unità subliminali dell'arte europea e del pensiero in questo periodo. I temi sono sviluppati in un impianto vagamente cronologico che si snoda sulle rampe del Museo Guggenheim ed all'interno di due gallerie.

 

 

Caos e Classicismo è in mostra presso il Solomon R. Guggenheim Museum di New York fino al 9 gennaio 2011, e successivamente sarà presentata al Museo Guggenheim di Bilbao, in Spagna, dal 21 febbraio al 15 Maggio 2011.
 

Home Gallerie d'arteGallerie d'arte Bari Accademie d'arte |Pittori amici Linkarte |LibriArte | ConcorsArte | "Leonardo da Vinci" |Cerchio Quadrato | Il mestiere di pittore | Pittori in asta |Fiere d'Arte | Mostre d'arte a Bari | Mostre d'arte in Italia

 

Logo del sito www.corniciecornici.org   Logo di Arte & leonardo basile

Ultimo aggiornamento:  22-10-10