DIGITAL LIFE

 

Rassegna dedicata al futuro dell'arte digitale e alle contaminazioni fra tecnologia, nuovi media ed espressioni artistiche contemporanee, alla nuova Pelanda di Roma dal 3 marzo al 2 maggio 2010



DIGITAL LIFE Si intitola "DIGITAL LIFE" l'importante rassegna dedicata al futuro digitale e alle contaminazioni fra tecnologia, nuovi media ed espressioni artistiche contemporanee, con cui ha preso avvio lo scorso 3 marzo 2010 la programmazione del nuovo spazio pubblico per l'arte e la produzione culturale contemporanea La Pelanda.
DIGITAL LIFE è nata da un'iniziativa della Camera di Commercio di Roma nell'ambito di un  progetto focalizzato sull'innovazione tecnologica come fattore cruciale di sviluppo economico ed è stata promossa dall' Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione - Sovraintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma e dal MACRO. L'ideazione e l'organizzazione di DIGITAL LIFE è curata della Fondazione Romaeuropa, istituzione di respiro internazionale, che proietta la sua costante ricerca e monitoraggio delle diverse forme di creatività italiana ed internazionale nel nuovo orizzonte digitale, in cui trova piena realizzazione l'incontro fra tecnologia e arte, in stretta continuità con i progetti Romaeuropa Webfactory e Capitale digitale.
La direzione artistica di DIGITAL LIFE è stata affidata a Richard Castelli che ha selezionato per l'evento espositivo alcuni fra gli artisti più innovativi del panorama internazionale contemporaneo: Ryuichi Sakamoto, Shiro Takatani, Jeffrey Shaw, Ulf Langheinrich, Jean Michel Bruyère, Erwin Redl, Thomas McIntosh, Emmanuel Madan, Martux_M, Mikko Hynninen, Julien Maire, Christian Partos.


Gli artisti invitati danno vita con i loro lavori a un percorso esperienziale inedito e unitario, scandito dal susseguirsi di installazioni e proiezioni video realizzate con strumenti tecnologici di ultima generazione, capace di mettere in luce una concezione avveniristica e multisensoriale dell'opera d'arte e di suggerire nuove modalità di coinvolgimento e partecipazione del pubblico. Le opere in mostra sono tutte presentate per la prima volta in Italia, se non in anteprima europea o mondiale, o concepite site specific per lo spazio de La Pelanda.

 
Accendere i riflettori sulle frontiere verso cui dirige la contemporaneità, dove tecnologia, interdisciplinarietà, poli-sensorialità si intersecano dando origine a nuovi modi di fruizione dell'arte: questo l'obiettivo della Rassegna.


Nell'epoca del   "real time", ovvero della simultaneità, della diretta assoluta, il futuro delle arti è indissociabile dall'uso delle nuove tecnologie, invenzioni e formati che sono destinati a modificare radicalmente il nostro rapporto con l'opera e a creare nuove esperienze partecipative e sensibili. L'uso del web, i nuovi sistemi di audiovideo in 3D e gli sviluppi in ambito cinematografico prefigurano modalità del tutto innovative nella realizzazione artistica e nella loro fruizione sempre più indirizzata verso l'immersione multisensoriale. Ricerca scientifica e tecnologia costruiscono la base per la creatività di domani, rendendo possibile un più ampio rapporto tra aziende, università, centri di ricerca e artisti. Ciò che caratterizzerà l'arte del futuro sarà la capacità di produrre una vertigine nei punti di riferimento comuni o spostamenti inaspettati rispetto alla nostra presenza nel mondo e al nostro sguardo sulle cose.
 

  Alcune delle opere in mostra sfruttano l'innovativo sistema di proiezione e sonorizzazione AVIE: un ambiente di visualizzazione interattivo e immersivo a 360 gradi, appositamente sviluppato dall'artista Jeffrey Shaw per l'Università del South Welles (Australia), attualmente in funzione presso il cinema della stessa facoltà, alla ZKM - Zentrum für Kunst und Medientechnologie di Karlruhe e nel 2010 sarà allestita anche presso l'Università di Hong Kong. AVIE consente di mettere le più recenti tecnologie al servizio dell'ideazione artistica, esplorando un principio non solo interattivo, ma anche immersivo di partecipazione del pubblico all'evento artistico. Attraverso AVIE vengono create esperienze audiovisive tridimensionali, combinando immagini da più proiettori e suoni da diverse fonti. Inoltre, grazie a un sistema di cineprese a infrarossi, in tempo reale un software genera modelli di movimenti e posture del pubblico all'interno dell'ambiente, interagendo con esso.
Con l'opera La Dispersion du Fils, che sarà presentata a Roma in prima mondiale nella versione definitiva, Jean Michel Bruyère esplora tutte le potenzialità del sistema AVIE, proiettando su una architettura tridimensionale le immagini di oltre 500 film, per lo più inediti, messi a disposizione dagli archivi de La Fabriks, gruppo pioneristico dell'azione multimediale internazionale,fondato dallo stesso Bruyère. La Dispersion du Fils sfrutta e trasforma quasi tutto il materiale video realizzato dal gruppo performativo teatrale LFKs negli ultimi dieci anni, regalando allo spettatore la duplice possibilità di una percezione complessiva oppure scomposta dello spazio virtuale proiettato.
Nell'installazione realizzata dal musicista e compositore giapponese Ryuichi Sakamoto e dal video artista Shiro Takatani, leader del gruppo artistico Dumb Type, lo spettatore si trova in uno spazio completamente buio nel quale nove vasche di vetro contenenti acqua e nebbie artificiali sono sospese sopra la sua testa. Filmati d'archivio, spezzoni di film, immagini, effetti di luce, suoni e parole si muovono all'interno di ciascun cubo e pervadono l'ambiente. Le nove composizioni stereofoniche di Sakamoto, una per ciascun cubo, si intrecciano con il lavoro video artistico di Takatani, mentre un sofisticato sistema di sincronizzazione impedisce che una data combinazione di suoni e immagini possa ripetersi esattamente identica a se stessa.
Sempre basato sulla tecnologia AVIE, il lavoro di Ulf Langheinrich, a Roma in anteprima mondiale, immerge il visitatore in un'esperienza acquatica polisensoriale sfruttando le contaminazioni sonore e visive. Erwin Redl coinvolge lo spettatore in una delle sue architetture ambientali costruite con la luce e gli allestimenti luminosi della serie Matrix. Il lavoro di Redl crea nello spettatore una sorta di seconda pelle, pensata come "il corrispettivo sociale dello strato ultimo del nostro corpo".
Thomas McIntosh, Emmanuel Madan, Mikko Hynninen collaborano alla realizzazione di un'installazione scultorea, Ondulation, che utilizza il suono per produrre immagini tramite l'acqua e la luce: in una vasca rettangolare l'acqua, immobile, viene lasciata progressivamente muoversi per effetto della rifrazione delle onde sonore prodotta da una partitura musicale riprodotta da casse molto potenti direttamente sulla superficie del liquido. Ne esita una sorta di scultura onirica, in continuo divenire, realizzata con acqua, suoni ed immagini riflesse.
Julien Maire, sfruttando un sistema di proiezione sperimentale a bassissima risoluzione, presenta tre installazioni sospese tra video, fotografia e macchine come sculture.
Martux_M presenta X-Scape 09, un progetto per modulazioni audio-visive nel quale musica elettronica e immagini si fondono offrendo a lo spettatore la suggestione di un paesaggio sonoro.
Christian Partos utilizza per creare un'immagine i riflessi prodotti da cinquemila specchi rifrangenti opportunamente illuminati. M.O.M., titolo dell'opera, è la composizione su una parete vuota del volto della madre e alludendo anche alla tecnica utilizzata  (Multi Oriented Mirror), nasconde e al contempo rivela l'oggetto al centro della rappresentazione.

DIGITAL LIFE è anche su facebook.com/group.php?gid=317263291939&ref=mf


DIGITAL LIFE
Fino al 2 maggio 2010
La Pelanda, Mattatoio di Testaccio
Ingresso piazza Orazio Giustiniani 4, Roma
INFO per il pubblico: Fondazione Romaeuropa
www.romaeuropa.net
tel. + 39 06 45553000
promozione@romaeuropa.net


UFFICIO STAMPA
Paola C. Manfredi Comunicazione
Paola C. Manfredi | Tel. +39 335 54 55 539
Alice Cammisuli | Tel 338 61 59 539
Tel. +39 02 45485093 | press@paolamanfredi.com
Fondazione Romaeuropa
Francesca Venuto | Tel. +39 06 45553060
con Antonella Bartoli | Tel. +39 06 45553062
Tel. +39 06 45553060|62 | ufficiostampa@romaeuropa.net

 

La mostra è corredata da catalogo multimediale realizzato da SPQR network con testi firmati dagli artisti, consultabile su romaeuropa.net/digitallife.

 

 

Logo del sito www.corniciecornici.org   Logo di Arte & leonardo basile

Ultimo aggiornamento:  15-06-10