Confine Magico

di Michele Zaza

alla  Galleria 54 Arte Contemporanea di Molfetta

 

Mostra personale dell'artista molfettese Michele Zaza dal titolo 'Confine Magico', comprendente una serie di collages inediti e una installazione con immagini fotografiche e sculture in legno realizzata appositamente per gli spazi espositivi della "54 arte contemporanea", lo spazio creativo dell’associazione 'Bottega 54' in Via Baccarini 54, nata su iniziativa della famiglia Vitulano per la promozione dell'arte e della creatività. La mostra sarà visitabile in via Baccarini, 54 a Molfetta all'8 aprile 2012, tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 20.30.


Ieri sera ho trovato finalmente il tempo per fare un salto dai miei amici Franco Valente, Michele e Susanna Vitulano presso la nuova galleria ARTE54 di Molfetta, inaugurata una decina di giorni fa con una straordinaria mostra dell'artista molfettese Michele Zaza (in esposizione fino ad aprile).

FRANCO VALENTE, MICHELE E SUSANNA VITULANOUno spazio espositivo molto accattivante (veramente grazioso... complimenti ai due Vitulano) dove la mostra del maestro Zaza trova degna location . L'allestimento è esemplare (adoro il "contrasto armonico" che si realizza mettendo insieme il nero -delle cornici- e il bianco -dei muri- per esaltare opere che mi hanno lasciato senza fiato per la loro magnificenza....Michele Zaza, qui a Molfetta - ma non solo, ben inteso - è una "icona" dell'arte contemporanea e quando ti avvicini ad una sua opera lo fai con molta "timidezza", quasi con soggezione.... perchè ne comprendi l'indiscutibile ed elevato valore simbolico.

La sua ricerca inizia con il ciclo Cristologia, presentato, nel 1972, alla galleria Diagramma/Inga-Pin di Milano. Nel 1973 crea un nucleo di opere intitolato "Dissidenza Ignota", esposto da Marilena Bonomo a Bari. Nell’opera principale è rappresentata la madre dell’artista che sta per addormentarsi, tra una pistola poggiata su un cumulo di ovatta e una sequenza di immagini di lei in diversi momenti di vita quotidiana.

Nel 1974, lavori intitolati "Naufragio euforico" evidenziano l’aspetto contraddittorio della libertà sotto forma di un percorso “a senso unico”. Segue nel 1975 il ciclo Mimesi, esposto da Massimo Minini a Brescia e da Annemarie Verna a Zurigo. Esistenza e assenza, condizione umana e operare artistico sono a confronto. Dal 1976 l’irreale non è in antinomia al reale, ma anzi costituisce una realtà in divenire, fatta di curiosi paesaggi di terra e di ovatta, abitati da piccoli oggetti di carta somiglianti a macchine volanti. Nella serie intitolata "Anamnesi" i personaggi sembrano agire nella dimensione del sogno, nutrendosi di molliche di pane. Sempre nel 1976 Zaza realizza il ciclo "Universo Estraneo" da Lucio Amelio a Napoli, e poi "Fantasia Privata" da Yvon Lambert a Parigi. Invece nel 1978 crea opere intitolate "Racconto celeste", dove analizza l’incorporeo. Il colore blu della parete cosparsa di stelle-molliche è un cielo che avvolge i volti del padre e della madre. Lo spazio abitativo diviene “spazio celeste”.

54ARTE CONTEMPORANEANel 1980, da Leo Castelli a New York, Zaza espone Neo-Terrestre. Nello stesso anno Zaza è invitato alla Biennale di Venezia con una sala personale. Successivamente, nel 1981 è a Parigi con una mostra antologica al Musée d’art moderne de la Ville de Paris. Mentre a Ginevra, al Cabinet des estampes du Musée d’art et d’histoire nel 1991, e a Mosca nel 1996 presso lo Shchusev Architecture Museum con una serie di nuovi lavori ispirati a Hölderlin. Tra le collettive, nel 1977 e nel 1982 partecipa alla Documenta di Kassel, nel 1975 alla Biennale di Parigi e nel 1977 alla XIV Biennale di São Paulo.

Negli anni ‘80 Zaza comincia ad inserire nelle sue opere elementi scultorei, come Paesaggio in cui appaiono accanto alle fotografie delle forme tridimensionali. Significativa è la tappa di "Cielo Abitato".

Nelle opere degli anni ’90 Zaza compie una trasfigurazione dei volti attraverso delle campiture di colore che mettono in evidenza dei punti focali quali la fronte, il naso, le mani, che sottendono alle funzioni vitali.

LA MOSTRAL’artista è come un “viaggiatore” che procede in direzione delle proprie origini, in un “ritorno verso se stesso”. Opere quali il "Centro del Viaggiatore", "Cercatemi altrove", "Paesaggio segreto", "Corpo magico", stabiliscono uno scambio fra l’intimità umana e il cosmo, attraverso sculture di cartone e ovatta con cui l’artista reinventa il proprio corpo avvolto da effetti di luce. Zaza escogita uno scenario segreto, elaborato a partire da elementi del quotidiano (molliche, ovatta, cuscini) e da presenze scultoree. Spesso il volto, sia maschile che femminile, viene dipinto con colori riferiti alla terra e al cielo – il marrone, il blu, il bianco: da Rivelazione segreta e Corpo segreto (2005) a Paesaggio magico e Orizzonte segreto (2006), oppure Io sono il paesaggio (2007).

Zaza espone al Museo Laboratorio d’Arte Contemporanea di Roma e al Musée d’Art Moderne et Contemporain di Ginevra. Le sue opere sono conservate presso varie collezioni pubbliche, tra cui la Fondation Emanuel Hoffmann di Basilea, l’Hamburger Bahnhof-Museum für Gegen­wart (Berlino), il Walker Art Center (Minneapolis); il Kunsthaus (Zurigo).



LOCANDINA DELLA MOSTRALOCANDINA DELLA MOSTRA

 

In occasione della mostra è stato pubblicato da 54Arte Contemporanea un volume monografico (a cura di Michele e Susanna Vitulano) sulla ricerca di Michele Zaza con particolare riferimento alle opere in esposizione. Gratuito, in galleria.


Arte54

via Baccarini 54
70056 Molfetta (Bari)
phone/fax +39 080 3348982
info@arte54.com

Franco Valente
art director
+39 335 7920658

Michele Vitulano
+39 349 8801122

Susanna Vitulano
+39 339 3163281

Per ulteriori informazioni consulta il sito della Galleria d'Arte (in preparazione) :
http://www.arte54.it/

 

Ultimo aggiornamento:  02-08-13