Nostra Signora Art

 

 Prima invasione d' arte non autorizzata nella citt di Bari

 

nostrasignorarteA Bari invasione di Nostra Signora Art. Un gruppo di Artisti di Art Gallery Under The Road - Federico II Eventi, Michele Loiacono ( art director Art gallery under the road) Mario Valerio, Enatalem Demelash Zeleke e Carmen Toscano hanno realizzato la prima invasione d'arte non autorizzata nella citt di Bari.

L'evento si realizzato in contemporanea in altre 30 citt con il nome "Nostra signora art". L'installazione si compone di cinque elementi: tre pupazzi, un testo poetico e una domanda provocatoria. Questa azione d'arte, che la prima di una lunga serie, non rimarr isolata dato che nei mesi a venire, all'improvviso, come per piazza del Ferrarese, appariranno installazioni d'arte non autorizzate in punti diversi della citt. E' un azione d'arte metropolitana che si esprime negli spazi aperti e che tenta di costruire uno spazio di ricerca capace di immaginare nuove forme di dialogo e diffusione dell'arte e della cultura contemporanea. Una provocazione agli stessi artisti che stanno abbandonando il dialogo tra loro e che si stanno stereotipando alle mode e tendenze.

Altra provocazione per il progetto BAC (Bari arte contemporanea) che vuole realizzare a Bari un museo d'arte contemporanea che appare come un salto nel buio per gli artisti emergenti Baresi che vedranno ridursi ulteriormente gli attuali spazi espositivi gi, praticamente, inesistenti, loro dedicati. La domanda che il gruppo di artisti baresi pone : quali saranno gli spazi dedicati ai giovani artisti? Bari Arte Contemporanea fa odore di soldi e politica vestiti con un progetto intellettuale. La provocazione degli artisti di "Art Gallery Under the road" mira a portare l'arte fuori dalle mura museali, farla contaminare dal tessuto metropolitano. Un'arte che si possa toccare, ammirare distruggere, modificare.

Perch come dice Michele Loiacono "Apriamo le gabbie dell'arte e lasciamo liberi i pensieri e le azioni, i grandi movimenti artistici non sono mai passati attraverso i soloni intellettuali dell'arte, il mercato e la critica da anni hanno ingabbiato l'arte, sarebbe ora che qualcuno inizi a scardinare questa prigione. L'arte espressione dell'animo Umano e non vendibile e non comprabile, il nostro motto: Arte cercare nei colori le parole che non si dicono, le parole che si vorrebbero dire, quelle che forse era meglio non pensare. Arte lasciare che le fiamme divampino. Arte, se ci guardi dentro ti azzanna il cuore. Arte un'altalena senza corde sospesa nell'aria. Arte un morso di belva senza freni. Arte l' ultimo appiglio sull'abisso della pazzia. Arte sogno dipinto profumato d'amore. Arte parole colorate posate nel vento. Arte contatto vorace di due amanti. Arte sparare senza sapere chi colpire, correre senza conoscere lo schianto. Arte germoglio nel cuore di chi vive, di chi nasce ogni giorno vivendo da millenni. Arte pulsare frenetico giacendo immobile. Arte non aspettare che le cose cambino cambiare. L'Arte un inarrestabile vomito dell'anima che fissa colori, parole, suoni e immagini negli spazi del dolore. Arte un livido oscuro posto alla fine della strada di chi ha lasciato che il tempo gli scivolasse accanto senza notarlo. Arte il vuoto di illeggibile firma posta a fine della nostra vita."

 

Ultimo aggiornamento:  02-08-13